#75 – Non investite come i multimilionari.

Capita spesso, quando si parla di investimenti, di sentire / leggere cose tipo:

“ah, il miliardario Pinco Palla ha acquistato azioni XYZ, ora lo faccio anche io!”.

L’idea è semplice: se Pinco Palla è miliardario, sarà abile negli investimenti, quindi copiandolo non si può sbagliare.

E’ un’idea affascinante, ed anche io in passato ammetto di aver comprato un paio di azioni quasi esclusivamente per il fatto di aver letto che le avesse comprate Warren Buffett.

Presenta però molti problemi, e mi permetto di sconsigliarlo fortemente.

Andiamo per punti.

1- Anche i miliardari prendono cantonate.

John Paulson è salito alla ribalta grazie alla sua (azzeccata) scommessa contro i mercati immobiliari poco prima della grande crisi del 2008-2009, che gli fece guadagnare quasi 4 miliardi di dollari.

Nel 2010, guadagnò quasi 5 milardi.

Da allora ha preso quasi solo bastonate in faccia, riuscendo a perdere soldi nei modi più fantasiosi.

Bill Gross è probabilmente il più famoso investitore in Bond del pianeta, ha fondato PIMCO, ed ha gestito per anni il PIMCO total Return Fund, il più grande fondo obbligazionario al mondo.

Nel 2015, dopo essersi sganciato da PIMCO ed aver fondato la sua Janus Capital, si è lanciato in previsioni riguardo i Bund tedeschi, promettendo guadagni facili a chi avesse investito con lui.

Il risultato?

Bill Gross Bond Fund
In verde, il fondo indice obbligazionario Vanguard, in blu quello gestito da Gross

Non sempre i paperoni ci prendono, quindi seguirli non è per forza una strategia vincente.

A questo aggiungete che i siti di news raramente tendono a pubblicare opinioni bilanciate tipo “non lo so di preciso, ma sono moderatamente ottimista/pessimista”, preferendo invece fare del clickbait con “Hot Takes” decisamente catastrofici o particolarmente ottimisti.

L’ottimo Jon Boorman tiene traccia delle previsioni dei vari soloni, ed è divertentissimo.

2- Viene raramente spiegato il contesto della transazione.

Quando si legge “Miliardario Pinco Palla compra/vende/shorta XYZ” non viene quasi mai considerato o spiegato il contesto.

Faccio un esempio: qualche tempo fa ho venduto delle azioni Royal Dutch.

Ora, se io fossi un famoso riccone, qualche sito a tema finanziario sarebbe probabilmente uscito con il titolo “Andrea vende Royal Dutch!”, senza spiegare che ne ho vendute un po’ perché ne avevo accumulate tantissime durate il periodo di crisi del petrolio, e che la mia vendita serviva a ribilanciare una asset allocation divenuta troppo spostata verso i titoli energetici.

Considero Royal Dutch un’azienda straordinaria, e consiglierei a chi le ha di tenersele a lungo, ma l’investitore che leggesse un titolo del genere sarebbe stato invece portato a pensare il contrario.

Non potendo sapere quali altre azioni hanno in portafoglio, l’orizzonte temporale dell’investimento, il peso percentuale sul totale e mille altri elementi, non abbiamo gli strumenti per capire il perché della loro scelta, e di conseguenza se quello che va bene per il miliardario si adatti alla nostra situazione/strategia.

3- Voi non siete miliardari.

Piccolo dettaglio.

Il modo di investire cambia a seconda di quali siano le disponibilità finanziarie.

Questo appare evidente ed intuitivo quando si parla di numeri più normali: chi ha da parte 1000€ di solito li tiene in cash per far fronte ad eventuali spese impreviste.

Arrivate ad avere da parte un cuscinetto per le emergenze, le persone iniziano a pensare a come investire in modo prudente, e solo successivamente ci si avventura in azioni/ETF/eccetera.

Perché allora, da persone comuni, dovremmo comportarci come dei miliardari?

Un paio di mesi fa il sig. Naguib Sawiri, ricchissimo Egiziano, ha messo metà dei suoi risparmi (5.7 miliardi, cinquepuntosettemiliardimortaccisua) in oro.

Al di là del fatto che, per il momento, questa trade non gli ha detto benissimo, quando hai cinque punto sette miliardi di patrimonio puoi tranquillamente permetterti di metterne 2.85 in oro, e dormire comunque sonni tranquilli.

Gold last Two months
Prezzo dell’oro, ultimi due mesi al 10 luglio 2018

Se anche il prezzo dell’oro si dimezzasse, la vita di Sawiri non cambierebbe di una virgola. Probabilmente non se ne accorgerebbe nemmeno se nessuno glie lo facesse notare: cosa può fare uno con 5.7 miliardi che non può fare con 4.3?

Per l’investitore medio invece, perdere il 25% del proprio patrimonio ha solitamente implicazioni ben diverse e reali.

Così come noi normali non compriamo yacht da 250 metri per le nostre vacanze estive, alla stessa maniera non per forza dobbiamo investire come loro.

Conclusioni

Non fatevi tentare da scorciatoie: per gestire bene i vostri soldi non dovete scimmiottare nessuno, in particolare persone che vivono su pianeti finanziariamente distanti anni luce dal nostro.

Spendete meno di quanto guadagnate, evitate cazzate madornali, create un piano di investimento che si adatti alla VOSTRA specificità, e seguitelo con quanta più disciplina possibile.

piramide-priorita
La piramide delle priorità

Non serve altro.

Buon risparmio!

Advertisements

8 thoughts on “#75 – Non investite come i multimilionari.

  1. Molto interessante, mi ha fatto venire in mente Ray Dalio che ha shortato le banche italiane.
    Nessuno conosce la sua strategia ma moltissimi guru hanno preso la palla al balzo per vendere corsi di forex e consigliato di svuotare i conti correnti.

    Like

  2. Ciao…ho visto che sei ancora fuori dagli etf obbligazionari, e in effetti in questo momento ne hai motivo.
    Mi è solo caduto l’occhio su Etf Vanguard Usd Corporate. IE00BZ163K21. Obblugazioni societarie americane di qualita’ (ma ci sono dentro anche tante europee), un dividendo del 3.2%, scadenze lunghe e brevi, un ter dello 0.12. Sono più di mille holding, quindi ampia diversificazione. Unico problema è il rischio cambio col dollaro…che ne pensi, vale la pena spenderci qualcosa?

    Like

  3. Aggiungerei anche che spesso le notizie ci arrivano con un mese o due di ritardo. Ad esempio i giornali hanno detto che Buffett aveva comprato azioni Cattolica alcune settimane dopo che lo aveva fatto. In pochi giorni si è consumato il rialzo delle quotazioni e adesso sta tornando gradatamente ai valori di un anno fa.

    Liked by 1 person

  4. Ciao Andrea. Volevo chiederti se rimane conveniente acquistare azioni estere dal momento che, se non erro, sono soggette a doppia tassazione. Inoltre volevo chiederti se acquistare queste azioni tramite ETF comporta lo stesso regime fiscale della doppia tassazione in Italia. Grazie

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.