#53 – Il mio portafoglio investimenti.

Ho pensato a lungo se valesse o meno la pena condividere il mio portafoglio di investimenti.

Moltissimi blogger di personal finance hanno un update mensile delle loro spese, dei loro investimenti e del loro avanzamento verso un’indipendenza finanziaria teorica totale (la famosa FIRE), quindi perché non io?

Le ragioni della mia esitazione erano sostanzialmente due:

Una questione di privacy.

Sono una persona molto riservata, e non mi va di far sapere al mondo proprio tutti i fatti miei.
Scrivere precisamente quanto guadagno, quanto spendo e quanti soldi ho non mi andava proprio.

Una questione di approccio mentale.

Chi cucina seguendo una ricetta non sa per forza cucinare, saper cucinare vuol dire partire da zero e costruire un piatto coerente.
Idealmente vorrei che i lettori, stimolati da questo blog, andassero a cercarsi informazioni e strumenti adatti a prendere le loro decisioni di investimento: il timore è che poi questo blog diventi una sorta di “consigli per gli acquisti”, cosa che non vuole affatto essere.

Per adesso, mi dico “sticazzi” e propongo qui sotto il mio portafoglio, senza ammontari, ma solo con pesi percentuali.

Alcune note sul mio approccio personale e sulla metodologia:

1- La prima cosa che bisogna fare è mettere da parte un cuscinetto di liquidi per le emergenze, pari a minimo tre mesi di spese correnti.
Visto che è per le emergenze, questo cuscinetto non va investito in nulla che non sia cash, o al limite un conto deposito svincolabile e liquidabile in 24 ore massimo.

2- Il denaro contante serve a poco ed è improduttivo, in condizioni normali cerco sempre di far si che la percentuale di denaro (escludendo il cuscinetto di emergenza) non superi mai il 10% del mio totale.

3- Cerco in linea di massima di investire poco alla volta e con regolarità, cercando di approfittare del Dollar Cost Averaging. Questo sicuramente non mi porterà mai a comprare ai tutto ai minimi e vendere tutto ai massimi, ma mi garantirà di non fare errori irrimediabili.

4- Cerco, se possibile, di non vendere mai, e nel dubbio cerco di fare meno trading possibile. In dieci anni che investo avrò premuto il tasto “sell” non più di una dozzina di volte, e quasi sempre l’ho fatto per poi comprare altro coi soldi derivanti dalla vendita.
Da quando sono rientrato in italia (dicembre 2015) ho venduto solo una volta.

5- I miei investimenti sono divisi più o meno 50-50 in una parte automatizzata ed una parte in cui decido io il timing e l’allocazione.
La parte automatizzata va sempre in ETF indice tramite ETF Replay, mentre la parte decisa da me va spesso, ma non sempre, in azioni individuali.
Vista la mia riluttanza a tenere molto cash, anche la parte non automatizzata viene investita in modo costante e graduale, nella sostanza in modo non troppo dissimile da un Dollar Cost Averaging.

6- Nelle tabelle sotto i costi di acquisto partono quasi tutti da Gennaio 2016, perché avendo cambiato continente ho a) cambiato drasticamente Asset Allocation e b) dovuto vendere in un paese e successivamente ricomprare in italia per evitare complicazioni a livello di tassazione. Questo mi permetterà, quando avrò uno storico abbastanza lungo, di capire come performo rispetto agli indici.

7- Per riflettere davvero la mia performance, qualora vendessi un titolo per comprarne un altro, terrò conto del guadagno netto (o della perdita) nel costo del titolo nuovo.
In due anni questo è avvenuto una volta (vendute delle Siemens per comprare delle Veolia).
Esempio di fantasia:

  • Compro 100€ di Siemens, le vendo a 150€ .
  • Realizzo Siemens = 150€ – [50 (guadagno) x 0,26 (tasse)] = 137€
  • Compro 137€ di Veolia, e le contabilizzo a costo di 100€ (che era il mio investimento originario).

 

Questo post verrà aggiornato con cadenza cazzometrica ed avrà presto la sua pagina dedicata, accessibile dai tabs in alto.

Situazione al 15/10/2017.

Qui la mia Asset Allocation:

Asset Allocation 15 10 2017

 

Come spiegato in precedenza, ad oggi non amo le obbligazioni, perciò ne detengo la bellezza di zero.

Qui sotto il dettaglio dei miei titoli, i simboli sono quelli di Bloomberg. ETF in verde.

Portfolio 15 10 2017

Advertisements

18 thoughts on “#53 – Il mio portafoglio investimenti.

  1. Ciao Andrea,

    Come al solito grazie per il blog, é molto utile ed interessante.

    Comprendo pienamente la tua decisione di elencare il portafoglio solo in percentuale, anzi é giá troppo dettagliato :P. Quello che mi interessa di meno é compiare qualcun’altro!

    Sarebbe peró molto interessante se tu facessi un post in cui descrivi qual’é il tuo metodo per selezionare i titoli. Ho dato un occhiata a questi titoli e mi sembra che tu selezioni in base ai dividenti, sbaglio?

    Ultimamente, anche leggendo il blog di ERE, sono sempre piú interessato in azioni con alti dividendi.

    Like

  2. Ciao Andrea,
    Tanta Francia in PF vedo, molta energia e finanziari, nomi di assoluto valore. Da quello che vedo non sei un dividend seeker! I Vanguard sono interessanti, ed anche sulle obbligazioni mi trovi d’accordo, al momento vedo solo pericolo in quell’area, a meno di non accettare rendimenti netti sotto il 2%.

    Però ha ragione Francesco qui sopra, un hint sulla strategia che segui è utile per capire l’allocation anche… 😛

    Ciao ciao
    Stal

    P.S.
    Ma questo “blog di ERE” cosa sarebbe, altro blogger italico?

    Liked by 1 person

    1. http://earlyretirementextreme.com/
      Adesso il blog non è più aggiornato, ma ripubblica random articoli vecchi.
      È il blog che ha fatto partire tutto il movimento FIRE in America.
      C’è tanta Francia perché ho vissuto in Francia per 7 anni prima di andare in America, quindi ho familiarità con certe azioni.
      Le RDSA le ho sempre avute, ho aumentato parecchio col crollo del petrolio.
      Idem le italiane le ho prese l’anno scorso.
      In generale con le singole azioni sono più opportunista: ho una serie di grandi aziende che seguo e le compro se scendono.
      Il mio investimento costante va in ETF

      Liked by 1 person

  3. Grazie dell’aggiunta, per me in questo periodo è molto utile!
    Io investo principalmente in ETF (europa adesso, prima mondo) e mi farebbe piacere sapere con quali criteri investi sulle azioni singole. Va bene anche qualcosa da studiare!
    Grazie del blog e del tuo tempo!

    Like

  4. ciao andrea , interessante come sempre . mi associo alla domanda qui sopra e in piu’ 2 stupide riflesioni . non scordarti ch io sono in fase della vita avanzata , particolare importante .

    intanto curioso rapporto vangurd azioni : 50 e 50 . pensavo fossi piu’ sbilanciato su vanguard .

    la mia domanda è questa :

    ho individuato 2 strategie di acquisto : una volta definito l’ammontare per il singolo investimento , lo divido per entrate uguali . si puo’ fare come dici tu , oppure decidendo di entrare ogni ( per esempio 2 % meno) .

    nel secondo caso puoi restare col cerino in mano , ma ci sono altre ragioni per cui mi consigli un metodo rispetto all’altro ?

    seconda domanda : raggiungo il 100% dell investimento . per esempio prendiamo un caso di oggi che puo essere illuminante : investito il capitale dedicato a VUSA interamente . a questo punto ho 3 strade

    1 – me ne frego tanto nel lungo periodo le onde scendono e salgono
    2 – trovo liquidità per continuare accumulo in vista di uno storno ( chi lo Sa ?)
    3 – spacchetto il 100×100 e reinpacchetto piu’ sotto .

    un tuo commento è gradito .

    bravo comunque , concetti bene espressi e chiari

    m.

    Liked by 1 person

  5. Vai Andrea! Stai avendo un successo e un seguito in costante ascesa, complimenti.
    Personalmente, consiglio la lettura de “Il metodo Warren Buffett” edito da Hoepli. Interessante per capire il processo di scelta del più grande investitore di tutti i tempi. Sottolineo investitore, e non speculatore.
    Come hai scritto ognuno deve trovare il proprio di stile di investimento. Se non si è preparati investire in singoli titoli può portare a cocenti delusioni. Senza competenze e tempo la cosa migliore è puntare su fondi e/o Etf. Entrando in maniera diluita ma costante i risultati arrivano. Anch’io privilegio la zona Europa, sia perché vedo fondamentali migliori, sia perché si sterilizza il rischio cambio. Però uno dei miei Etf preferiti è il Spdr global aristocrat dividend. Lo so, è più caro dei Vanguard, ma ha uno stile di investimento che non trovo in altri Etf. I fondamentali sono ancora accettabili ed è molto diversificato. Ripeto, è una mia opinione e ognuno deve ragionare con la propria testa.

    Liked by 1 person

  6. Ciao Andrea. Ho conosciuto da poco il tuo blog e lo sto apprezzando molto. Sempre interventi azzeccati, misurati e che finalmente (a differenza di certi forum in cui o si parla di supercazzole o si cerca il pelo nell’uovo) in modo semplice e pratico mostrano casi reali e fanno pensare.
    Grande
    Continua così

    Paolo

    Liked by 1 person

  7. ciao
    mi stupisce un po’ solo Monte Paschi, questo sembra un’investimento mooolto specultivo, un po’ una scommessa o no ?
    – per gli altri titoli europei è necessaria una conoscenza dei mercati esteri che non ho e che evidentemente tu hai ma nella tua strategia non era più efficiente essere presente con un ETF anche su questi titoli europei ?
    -ottimo il prezzo di carico delle Generali, molta invidia.
    io ho venduto molte azioni dopo le scorribande di Kim il coreano, mi aspettavo turbolenze forte sui mercati e volevo rientrare più basso….errore grave secondo la tua strategia.

    Like

    1. Ciao Andrea
      MPS ne ho prese due in croce proprio ai minimi, una vera scommessa di cui mi sono già pentito. Rimango convinto che a quei prezzi o va a zero o è un affare. Vedremo.
      Gli altri titoli europei sono in massima parte titoli che ho iniziato a comprare all’inizio, adesso molti conoscono gli ETF ma nel 2007 in Europa (quando ho iniziato io) gli index funds non avevo idea cosa fossero. Vivevo in Francia all’epoca, perciò ci sono molti titoli Francesi.
      Dal punto di vista della tassazione dei dividendi sono un pianto, ed infatti se hai seguito il topic non ne parlo quasi mai.
      Semplicemente sono azioni che seguo da molto e che oramai conosco abbastanza bene, quindi fedele alla mia regola di non vendere mai me le sono tenute ed ho aggiunto in momenti di abbassamento della borsa.
      I prezzi di carico invece sono tutti a gennaio 2016 come spiego nel post, anche se le azioni le posseggo da prima.
      Ai tempi non facevo i conti, ma tenendo conto del prezzo che pagai inizialmente le Danone dovrei averle pagate circa 40 se ben ricordo, giusto per fare un esempio.

      Like

  8. Ciao Andrea. Grazie per aver condiviso il tuo PTF. Ho notato che hai poca diversificazione valutaria. So che in precedenti post hai precisato che non prevedi rafforzamento ulteriore del dollaro però che ne pensi riguardo al fatto che l’euro potrebbe implodere. Non dimentichiamoci che ancora parecchi problemi dell’area euro non sono stati risolti e, malgrado la ripresa, l’outlook rimane non positivo per alcune economie (vedi Italia, Portogallo, Grecia, etc.). Inoltre la possibilità, paventata anche dalla Merkel, che si dia corso a una doppia valuta parallela non è stata ancora smentita.

    Like

  9. Ciao Andrea,

    finalmente scopri le carte 😉
    Come ti scrissi, io sono per certi versi un tuo opposto. SOLO aziende che distribuiscono dividendi incrementandoli negli anni, poi esamino il resto.
    Sono d’accordo sulla “cazzimiei” policy, non è una gara a chi sputa più lontano o a chi ha la pagella migliore, ma aspetterò anch’io l’articolo di spiegazione delle tue scelte. Ti sei già messo il cilicio per MPS, vero? ^^
    Ad ogni modo è sempre un piacere leggerti.
    Saluti!

    Liked by 1 person

  10. Ciao Andrea,
    grande articolo. Mi aspettavo anche una fettina in S&P 500 UCITS ETF.
    Come mai hai del tutto escluso il mercato US?
    Buon weekend!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s