#6 – La principale ragione per cui siete poveri

risparmio costi auto usata incassaforte

“Maledizione”, si dice l’italiano medio, “la fa facile quel bastardo di Andrea. Spendi poco, risparmia, e investi il rimanente, dice lui, ma io guadagno 1560 euro al mese! Come faccio a risparmiare? Copro i costi e mi avanza giusto qualcosina per le vacanze e gli extra.”

La mia risposta in situazioni normali sarebbe una cura a base di bastonate sulle ginocchia, di modo che l’italiano medio non riesca ad uscire il venerdì ed il sabato a sputtanare i soldi in birre, ma visto che siamo ancora ai primi post di questo blog la prenderò con calma ed in maniera paziente.

Comincerò dicendo che io, nel periodo 2004-2007, vivevo agevolmente a Parigi (dove gli stessi euro valgono molto meno che in qualsiasi citta italiana, stando ad UBS) con uno stipendio di 1200 euro netti al mese, mettendo anche da parte qualcosa.

Non mi prostituivo, non mi nutrivo di bacche, non vivevo sotto un ponte, ma anzi vivevo una vita splendida e spensierata, uscendo la sera (non spessissimo) e con l’occasionale vacanza.

Prodigio? Miracolo? Menzogna?

Niente di tutto questo: semplicemente, rispetto all’italiano medio, io baravo: non avevo la macchina*.

Ci sono infiniti modi di tagliare anche le spese che sembrano più incomprimibili come il cibo, ma ne discuteremo in un altro post; oggi voglio soffermarmi sulla principale ragione di povertà della stragrande maggioranza della popolazione dei paesi avanzati.

Visto che in base ad una mia stima approssimativa il 98% degli adulti non sa fare le addizioni e le sottrazioni, le ho fatte io per voi.

Sono quindi andato sull’ottimo sito autocosti.it ed ho inserito valori spannometrici riguardanti l’acquisto di una macchina nuova dal costo di listino di 15.000 euro, nei primi tre anni, acquistata senza ricorrere a finanziamenti.

Ecco i costi mensili:

costi benzina tagliando revisione incassaforte
minchia
EHHHHHHHHH? TRECENTOQUARANTA euro al mese?

In realtà sono stato estremamente conservativo: la prassi nel mondo delle risorse umane assegna un valore variabile tra i 7.000 ed i 12.000 euro al benefit “auto aziendale” (a seconda del modello), e questi sono, stando sempre ad autocosti.it, i valori medi in Italia:

costi chilometri benzina assicurazione incassaforte
straminchia!
Cinquecento euro al mese. Mi fa male il cuore solo a scriverlo.

Per la mia salute mentale rimaniamo con la mia più conservativa stima di trecentoquaranta, perché non è finita qui: al costo puro bisogna aggiungere anche il valore del vostro tempo.

L’italiano medio nel 2010 ha trascorso in macchina circa un’ora al giorno.

L’italiano medio ha anche, come visto prima, uno stipendio di 1560 euro al mese netti, pari a circa 10 euro l’ora. Anche assegnando al tempo libero un valore arbitrariamente basso di 5 euro l’ora, stiamo parlando di altri 150 euro al mese gettati al vento stando in macchina.

Non so se capite l’entità del dramma economico-finanziario cui si sottopongono scientemente le persone ogni giorno.

Ad una persona media, possedere e guidare una macchina tipo una VW Polo costa circa un terzo dello stipendio netto.

La soluzione è semplice: eliminare la macchina.
“Impossibile”, direte voi.

Balle.

Anzitutto, a meno che non lavoriate a Mordor, cominciate con l’affittare una casa più vicino al posto di lavoro. Magari costerà di più, ma se risparmiate 340 euro al mese di soli costi di automobile i conti tornano sicuro.
O usate i mezzi pubblici.

In secondo luogo, se proprio dovete possedere una macchina, compratela usata: una meravigliosa Honda Civic del 2007 costa meno di 3.000 euro  e si tratta di una macchina affidabilissima che può fare 200.000 chilometri in scioltezza.

Infine, usatela il meno possibile. Questo vi permetterà non solo di spendere meno in costi variabili, ma anche di cambiare la macchina meno spesso.

Torniamo ora sul nostro fidato autocosti.it e rifacciamo i conti per la Civic di cui sopra, considerando un taglio netto nel numero dei km (vi siete spostati più vicini al lavoro ed andate a piedi o in bicicletta).
Ho anche considerato un costo leggermente più alto per le ispezioni (auto più vecchia), mentre uguale per la manutenzione (l’auto è si più vecchia, ma viene usata di meno).

I nuovi risultati:

dettaglio costi auto incassaforte
minchietta?
Beh, sempre un osceno 130 euro, ma comunque un taglio deciso di 210 euro al mese in costi, pari a circa 185.000 euro in trentacinque anni**.

risparmio costi auto usata incassaforte
anvedi ‘sta Civic
Quando, grazie a questo banale cambiamento di abitudine, vi comprerete appena in pensione un appartamentino in riva al mare Sicilia, ricordatevi di invitarmi per un bicchiere di limoncello.

*in realtà l’avevo, ma facendo io di mestiere il venditore, la usavo quasi solo per lavoro e non la pagavo.

** Stimando conservativamente un rendimento netto del 4% annuo. Se volete l’excel per fare le simulazioni da voi, lo trovate qui in fondo all’articolo.

 

File Excel

Advertisements

24 thoughts on “#6 – La principale ragione per cui siete poveri

  1. Verissimo! Io ne ho una scrausa che uso lo stretto indispensabile.
    Capo, vorrei farle notare una cosa:
    In italia se non hai la macchina (visto i mezzi inesistenti negli orari notturni) > il venerdì/sabato sera non esci (a meno di non avere l’amico che ti dà il passaggio, in quel caso cazzi suoi ^^). Ciò porta ad un’attuazione in cascata dei risparmi.

    Like

    1. Beh dai dipende da dove sei.
      Io a Parigi New York ma pure a Como dove vivevo Illo Tempore non prendevo la macchina quasi mai.
      Perché devo andare a bere in un posto in culonia, che mi costa 15 euro solo di benzina, rischiando pure la patente o la vita?

      Like

  2. il problema sono le città italiane grosse, come per esempio Napoli, mal collegate dai mezzi, in cui ti ritrovi lontanissimo dal centro, e anche andarsi a prendere una normale pizza&birra è impossibile senza usare l’auto. Anzi vedo che si inizia a muovere qualcosa col carsharing.

    Like

  3. Ottimo post!

    Aggiungo una piccola variabile, che discende sempre dall’esperienza personale: se hai un/una partner trovare una casa vicino al posto di lavoro può essere molto difficile.

    Matematicamente dev’essere qualcosa a metà strada tra entrambi i posti… Il che, in Italia, può voler dire trovarsi in campagna senza servizi pubblici adeguati.

    BTW, io vivo a Como adesso: se stai in centro i servizi sono ok, ma appena fuori sei nei guai (senza parlare del disastro che hai se lavori al di là della frontiera)

    Liked by 1 person

  4. Il risparmio vero sarebbe se tutti smettessero di usare l’auto. Solo di incidentalità stradale spendiamo (tutti, anche chi l’auto non ce l’ha) 500€ a testa l’anno, che ci vengono sottratti con le tasse.

    Liked by 1 person

    1. Articolo eccellente (quello su bikeitalia intendo). Lo dico spessissimo, il problema è che mediamente le persone non sanno fare i conti.
      Se li sapessero fare sicuramente certe scelte sarebbero diverse.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s